Mario

Capita, qualche volta, che mi chiamano Mario.

Ed è capitato, poche settimane fa di nuovo, anche che il mio nome in calce a un articolo sia stato modificato in Mario.

Sarà pure un bel nome, per qualcuno, ma è davvero brutto sentirlo, o perché hanno storpiato il mio vero nome o perché non lo hanno capito al momento di conoscermi. A volte però penso che sarebbe stato bello vivere ogni tanto la vita di Mario, un altro me, magari a lui sarebbe andata meglio.

Poi ci ripenso, non voglio essere Mario, non rinuncio a tutto quello che ho vissuto e che apprezzo, assieme alle cose di oggi e a quelle che il futuro ha pronte per me.  

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Note personali. Contrassegna il permalink.

12 risposte a Mario

  1. parolesenzasuono ha detto:

    il proprio nome è una sorta di formula magica, nel senso di elemento sacro—

    ci identifica nel mondo e quindi vederlo storpiato o rimpiazzato da altro dà giustamente fastidio—

    bel post

  2. Fabio ha detto:

    A me Marco, e a Marco lo chiamano Fabio.

    Oramai non ha più importanza, tanto capisco…

  3. silykot ha detto:

    Stavo per lasciare lo stesso commento di Lilla…. 🙂
    No, no… a noi ci sta bene Maumozio nostro!

  4. duhangst ha detto:

    Ad ognuno la sua vita e un nome nel bene bel male la rappresenta.

  5. Giulio GMDB© ha detto:

    Sii quello che vuoi essere… sempre!

  6. micmonta ha detto:

    A me i prof sbagliavano sempre il cognome a scuola.
    Fino all’ultimo giorno…

  7. mizaar ha detto:

    ricordo una scenetta alla radio in una trasmissione che si chiamava ” torno subito “. arrivava una sciura ciabattando e al microfono diceva: merio ( mario ) torna! la zia ha bisogno di te!! – il mario in questione era andato via di casa, con la classica scusa delle sigarette, perchè aveva a che fare con una moglie fanè e una zia scassa.
    non voglio un amico mario – ne ho avuto uno tanto tempo fa e m’è bastato! mi tengo il mio amico mauro -e dì a quelli di non sbagliarsi più! 🙂

  8. ariel ha detto:

    era il nome di mio nonno ed il mio secondo…mi piace assai ma noi siamo cio’che siamo …indipendentemente…ciao Mau Mau…

  9. paperi si nasce ha detto:

    e poi puoi sempre dire, parafrasando Totò, “e che so’ Mario, io?”

  10. Lilla ... ha detto:

    io non voglio un Mario per amico … non facciamo scherzi!! e poi, un Mario non potrà mai essere un Maumozio … al massimo può essere un Mariozio!! 🙂

  11. fab ha detto:

    ottima riflessione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...