L’ora della Rivoluzione

Per porre fine a tutto questo scempio della politica niente di meglio che una bella rivoluzione. Non una rivoluzione di velluto né un semplice avvicendamento degli stessi personaggi che si riciclano da un partito all’altro, da una formazione a una fondazione. Ma una bella rivoluzione come quella francese con tanto di teste che rotolano nelle ceste, perché davvero non se ne può più.

Non vorrei sembrare forcaiolo ma è intollerabile che dopo aver rubato e sperperato l’indicibile, si possa solo pensare di mettere le mani sulla tredicesima di chi lavora in polizia o nelle forze armate.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Notizie e politica. Contrassegna il permalink.

8 risposte a L’ora della Rivoluzione

  1. Kalispera ha detto:

    Io non ho mai potuto partecipare a manifestazioni di piazza per motivi legati, prima, al lavoro di mio padre, ora a quello dell’Orso, ma ho fatto quello che ho potuto con le parole ed il voto. Adesso, però, ho avvertito tutti: se rifanno la centrale nucleare a Montalto scendo in piazza e marcio su Roma! E poi…venitemi a portare le arance (siciliane please) a Rebibbia!

  2. Federico ha detto:

    Mauro, credo che non siamo più capaci… Adesso è nata la stagione dei "refusi": hanno perfino capito che possono provarci e poi dire che è stato un errore…Fanno una porcata, se la gente se ne accorge, è stato un errore, e si torna indietro…Il problema è che nessuno si indigna difronte a cose così enormi come quella sulle tredicesime… Avete visto un sindacato, una associazione, una bocciofila, fare uno striscione di protesta?

  3. Virginia ha detto:

    qualcuno può far capire a ‘sti disperati di wsl che non siamo a twitter? ci tocca fare i commenti a tagliatelle! che noia!!!

  4. Virginia ha detto:

    siamo rimasti noi, nel mezzo, incapaci e attoniti, con neppure un mezzo brigatista d’avanzo capace di azzoppare qualcuno. ciò detto a me la rivoluzione sta come la marmellata su una fetta di pane buono. che da qualche parte abbia inizio, non se ne può più davvero!

  5. Virginia ha detto:

    e chi dovrebbe fare la rivoluzione, mauro, se una elevatissima percentuale di italiani evade le tasse e un governo di evadenti delinquenti sta loro benissimo? forse i disperati e i morti di fame che si sono dovuti arrabbattare sempre, con qualsiasi bandiera, abbassando la testa e votando quello che diceva il prete, il politicuccio locale trovaposto per il figlio, nipote ecc. ecc.?

  6. Signora ha detto:

    ben detto! quando si comincia? ps. tempo fa vidi un’intervista a Mario Monicelli: sarà che uno a 90 anni si permette di dire ciò che vuole, ma quello che rimproverò a noi italiani fu proprio il fatto di non avere alle spalle una vera rivoluzione. forse la paura di ‘perdere’ la testa potrebbe trattenere qualcuno dal comportarsi così sfacciatamente!

  7. Kalispera ha detto:

    Aggiungo qualcosa?…meglio di no.

  8. fab ha detto:

    concordo pienamente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...