Archivi del mese: febbraio 2010

L’immagine dell’arte e gli amici immaginati

Ho conosciuto fans di un cantante o di un gruppo che seguono i loro idoli nei concerti che tengono presso le varie città e addirittura più volte nell’ambito di uno stesso tour; ogni performance può essere diversa da un luogo … Continua a leggere

Pubblicato in Arte | 13 commenti

Camminare a vuoto

Succede alle volte, di lasciare la macchina e cominciare a camminare. Camminare senza sosta, non per sport perché non è una marcia, né una corsa, ma i piedi si muovono a ritmo serrato. Non c’è una meta, scorgi distrattamente le … Continua a leggere

Pubblicato in Note personali | 11 commenti

Io amico mio?

Certe volte io ancora mi meraviglio. Una telefonata che non t’aspetti, un messaggio d’affetto, una mail che ti fa sorridere, un biglietto d’auguri. E mi ritrovo nuovi amici che diffondono serenità e vecchi amici che disperdono dubbi. Però mi chiedo: … Continua a leggere

Pubblicato in Amici | 10 commenti

La musica giovane

Nel 1985, grazie a Quincy Jones, 45 cantanti interpretarono la famosa canzone We are the world scritta da Michael Jackson e Lionel Richie, devolvendo i proventi delle vendite alle popolazioni dell’Etiopia colpite da una gravissima carestia. Stavolta, 25 anni dopo … Continua a leggere

Pubblicato in Musica | 9 commenti

La stazione fantasma

Ero sul treno, l’ultimo treno. Dopo averne persi tanti, credevo di farcela a partire; la destinazione nota ormai. Il fischio del capostazione mi rilassa, finalmente si va, non so quanto durerà il viaggio, ma il tempo non importa, l’obiettivo è … Continua a leggere

Pubblicato in Note personali | 9 commenti

Giochi di ruolo

Non ho mai pensato di essere un modello per qualcuno, un esempio da seguire. Non perché mi ritenga un’inimitabile soggetto ma perché credo di non avere eccelse qualità in nessun campo. L’incoscienza della gioventù fa sì che non si pensi … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | 16 commenti

Che nome, fa un po’ ridere

Avere un nome poco comune fa sì che sia un evento raro incontrare un omonimo. In quel caso è una strana sensazione pronunciare il proprio nome per chiamare qualcun altro. Il nome originale aiuta a proteggersi dalle storpiature che spesso … Continua a leggere

Pubblicato in Note personali | 24 commenti