Archivi del mese: novembre 2009

Novità

Comincio a detestare questa parola che ormai ha sostituito i tradizionali saluti quando incontro qualcuno. So benissimo che in tutti, parenti e amici, colleghi e conoscenti, l’attesa è forte ma purtroppo (o per fortuna) è minima rispetto all’ansia di chi … Continua a leggere

Pubblicato in Note personali | 20 commenti

La politica delle parole

Le parole in politica sono fondamentali ma oggi per fare politica in Italia bisogna conoscere solo alcune frasi essenziali, segno che, dalla democrazia ateniese a quella  italiana, il bagaglio di espressioni si è ridotto a poche, significative battute, come queste: … Continua a leggere

Pubblicato in Notizie e politica | 8 commenti

Stand into stand

La concomitanza degli eventi è strabiliante. Starò poco nello stand perché stando, per lavoro, là starò anche lì   Technorati Tag: napoli,showcolate,terrafelix

Pubblicato in Scienza | 11 commenti

Anche l’h finale

Con una semplice formula di rito, gli autori possono raccontare nelle loro opere qualsiasi storia abbia attinenza con la realtà, descrivere fatti veri, personaggi esistiti, magari cambiandone il nome. Non ho trovato traccia di questa frase però nell’ultimo romanzo che … Continua a leggere

Pubblicato in Libri | 14 commenti

La casa del rampante

E’ facile cadere nell’equivoco. Il termine rampante lascia intendere una persona arrivista, che cerca di brillare nella massa, di distinguersi da essa pur restandoci immerso. Invece, leggendo Il barone rampante di Italo Calvino, ho scoperto che il rampante vive in … Continua a leggere

Pubblicato in Note personali | 10 commenti

Colpo di scena

Nella tragedia greca quando le situazioni narrative arrivavano ad una fase di stallo l’autore si inventava un espediente per rimescolare la storia e permetterle di proseguire. Era il deus ex machina (letteralmente il dio dalla macchina) che interveniva a stravolgere … Continua a leggere

Pubblicato in Note personali | 27 commenti

Grandi tormenti e piccole manie

Quando si lavora in un ambiente chiuso, nel senso che il gruppo di collaboratori è sempre lo stesso e soprattutto non si hanno molte possibilità di contattare altri colleghi, le giornate sembrano delle infinite repliche televisive. In particolare, si ripetono … Continua a leggere

Pubblicato in Società | 10 commenti