Artisti senza manifesto

Quest’anno in varie città si svolgeranno manifestazioni ed eventi per il centenario della nascita del Futurismo, il primo movimento d’avanguardia del XX secolo. Il 20 febbraio 1909, Filippo Tommaso Marinetti lanciava dalla prima pagina del «Figaro» un Manifesto in cui si lanciava una nuova forma d’arte che partiva dalla letteratura per invadere ogni forma artistica, dalla pittura alla poesia, dalla scultura al teatro.
Ieri in messenger, sì è svolta una celebrazione di questo movimento, perché se per il futurismo bisognava distruggere la sintassi, disponendo i sostantivi a caso, secondo un maximum di disordine, questa chiacchierata di cui riporto uno stralcio, può dirsi futurista.
Mauro scrive: originale, nuova
Rocco scrive: rara ed eventuale
Mauro scrive: superflua e fastidiosa
Rocco scrive: oltraggiosa, a tratti intrigante
Mauro scrive: impertinente direi sprezzante
Rocco scrive: relativa ai patti lateranensi ma mai papale
Mauro scrive: abusata quasi desueta
Rocco scrive: ridicola tanto è maltrattata
Mauro scrive: un’inezia di facezia
Rocco scrive: delizia nella sporcizia
Mauro scrive: irritante tra le tante
Rocco scrive: coadiuvante in un istante
Mauro scrive: stranamente intermittente
Rocco scrive: coltivata se innaffiata
 
Però il futurismo voleva abolire l’aggettivo e l’avverbio che invece qui abbondano per cui mi è venuto il dubbio se invece si trattasse di dadaismo, nel rifiuto della ragione e della logica, nell’enfasi della stravaganza e nell’umorismo derisorio, nel caos delle parole indicato da Tristan Tzara (Manifesto Dada, 1918) come fonte di ispirazione poetica.
Avrei anche una terza ipotesi, ma per rispetto a Rocco non posso dirla.
 

 
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Arte. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Artisti senza manifesto

  1. Fabio ha detto:

    beh, non male le frasiche sostanze hai detto che usate?

  2. ariel ha detto:

    ,,io come EDo la prossima settimanaa!!!:-)))

  3. Edoardo ha detto:

    Ne dirò dopo la visita a Palazzo Reale a Milano.

  4. Umberto ha detto:

    verso la fine sembrava come na poesia, forse na filastrocca, più dadaista mi sa

  5. Virginia ha detto:

    e poi dicono delle donne. pfui!

  6. Lilla ha detto:

    non trovo le parole (le hai usate tutte tu!!) … futurismo?? dadaismo?? uhhmmmm … e se fosse "dada-umpa"??? 😉

  7. Du ha detto:

    Sono totalmente fuori del mio campo..La chiacchierata però era veramente geniale nella sua evoluzione.

  8. Josef ha detto:

    Mi compiaccio, artisticamente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...