Da un posto al sole all’eredità

Un ricco imprenditore scopre di avere una figlia, un avvocato sindacalista, e decide di riconoscerla contro il volere della moglie. Accade che l’uomo muoia prima di riuscire a realizzare il suo desiderio; i suoi resti vengono cremati e la moglie faccia sparire ogni documento che possa testimoniare la paternità negata. Alla figlia non resta che rinunciare.
Questa è una delle tante storie che si intrecciano nella più longeva soap italiana, "un posto al sole", e uno immagina che siano frutto della fantasia, poi apre il giornale e legge una storia simile.
Un ricco editore sa di aver avuto due figli da una donna sposata che non lo ha mai rivelato a nessun altro, e in tarda età decide di riconoscere i due figli. Accade che l’uomo muoia prima di riuscire a realizzare il suo desiderio; i suoi resti vengono cremati. I figli decidono di proseguire le pratiche legali per il riconoscimento di paternità mentre l’unica figlia riconosciuta, frutto di un’altra relazione, per ora rimane l’unica erede.
Le due storie sono molto simili, con tante differenze per la maggior parte non significative, tranne una, perché se nel primo caso la ragazza non aveva mai avuto un padre, nel secondo, un padre seppure non biologico c’è stato, purtroppo sarà disconosciuto, ma non per "l’eredità". Almeno così dicono.
 
Arrivederci alla prossima puntata.
 

  

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Società. Contrassegna il permalink.

9 risposte a Da un posto al sole all’eredità

  1. Sonja ha detto:

    Io ho sempre sostenuto che se dovessi sceneggiare la mia vita dal 2001 ad ora ci sarebbe materiale x una fiction che oscurerebbe tutto quello che è andato in onda finora.Quasi quasi…ci penso seriamente…

  2. Virginia ha detto:

    non uno, ma ben due!che scostumata, la signora:-D

  3. maria ha detto:

    Se la vita è una soap io voglio essere Brooke di Beautiful!

  4. Umberto ha detto:

    l’ho vedo un posto al sole! è successo nella realtàio lo dico ogni giorno: il film non è più finzione, i migliori film e soprattutto telefilm devono rispecchiare la realtàsperando che la realtà non si faccia film e il film realtà…

  5. Signora ha detto:

    tu mi spaventi con questi post… sei uguale alla signora settantenne del 4° piano ;-)) ehehehMai vista una puntata!

  6. Lilla ha detto:

    la storia di caracciolo l’ho sentita alla radio … non ti dico i commenti di quei due pazzi del ruggito del coniglio … eh eh eh riguardo ad "un posto al sole" … io non l’ho mai visto, ma i miei sono ferratissimi … non hanno perso una puntata!!

  7. ariel ha detto:

    …………………..l’altra settimana un cliente ha aperto un deposito per la figlia naturale..all’insaputa della restante famiglia…il mio lavoro si’e’una telenovelas!!!:-)))

  8. Josef ha detto:

    Peccato che io non guardi un posto al sole, potrei farmi una cultura sulla cronaca contemporanea…

  9. Fabio ha detto:

    Vero, all’inizio ci si conosce per i commenti. Infatti mi riferisco al dopo, quando ci si conosce meglio in chat o per telefono o anche di persona… il mio post si riferisce a questo, alle persone che si fanno condizionare dagli altri e ti giudicano solo per sentito dire e non per esperienza diretta.Tutto qui ;)Buon pomeriggio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...