Vent’anni dopo (momento egocentrico)

Non sarà stato un ventennio pieno di avvenure e colpi di scena come nell’omonimo romanzo di Dumas, né per fortuna un ventennio tragico come quello fascista ma oggi entrando di nuovo nell’aula magna dove mi son laureato quasi venti anni fa (poche settimane all’anniversario) questo periodo mi è sembrato per la prima volta lunghissimo e ricchissimo. Sono accadute tante cose in questo tempo, soprattutto dal punto di vista lavorativo, in un percorso tortuoso e accidentato.
Ma per la prima volta, dopo tutti questi anni, sono riuscito a entrare a testa alta. 
Grazie a me stesso.

laurea

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Note personali. Contrassegna il permalink.

18 risposte a Vent’anni dopo (momento egocentrico)

  1. Virginia ha detto:

    ti sei laureato a quindici anni ?!?
    standing ovation per te, tutta meritata:-)))

  2. maria ha detto:

    Deve essere stata una bella sensazione. Un po’ ti invidio.

  3. Tribuno ha detto:

    Io spero che nel mio futuro quell’aula ci sarà.
    Il problema è che, una volta assicuratami la certezza della sua presenza, sarò solo al punto di partenza.

  4. clelia ha detto:

    In fondo anche l’assassino torna sempre sul luogo del delitto.
    I primi anni uno pensa: com’ero scema in quel periodo!
    Poi invece: ah, com’ero intelligente allora!
    Tutto può cambiare, ma sapere da dove siamo partiti non si dimentica.
     

  5. Giulio ha detto:

    Ed io sono curioso: come mai sei tornato li? 🙂

  6. Mauro ha detto:

    @ Nicola: hai colto nel segno
    @ Fabio: spero per te che ci impiegherai meno tempo
    @ Josefk: non ci avevo pensato, ma è così
    @ Ross: più che egocentrismo è autocelebrazione
    @ Rò: ci ho pensato spesso ma non mi serve
    @ Edo: questa idea mi è balenata per troppo poco tempo per poterla accarezzare 
    @ Lilla, Oreste, Maria, Paolo, Michele, DuHangst: grazie
     

  7. maria ha detto:

    bravò!

  8. Fabio ha detto:

    lo interpreto come un buon augurio. spero di poter combinare qualcosa di buono…da qui a vent´anni!

  9. Edoardo ha detto:

    Gli studenti tengono la testa bassa e i professori alta principalemente per motivi architettonici delle aule.
    Pensavo fossi diventato professore, ma anche se fosse, dovresti ringraziare te stesso comunque. Oppure discolparti.

  10. Josef ha detto:

    Ringraziare se stessi dev’essere una grossa soddisfazione.

  11. Oreste ha detto:

    Partecipo con gioia alle tue sensazioni ed emozioni…

  12. Signora ha detto:

    di sicuro un po’ di egocentrismo fa sempre bene 😉

  13. Nicola ha detto:

    Gioie e soddisfazioni. Forse rivincite??

  14. ha detto:

    chissà…magari ti prendi la 2° laurea???

  15. Michele ha detto:

    Me la devo segnare: fra circa 16 anni devo tornare nell’aula in questionw. Poi ti dico l’effetto che fa,

  16. Paolo ha detto:

    buongiorno Mauro !
    a me anche è capitato di entrare, a distanza di tempo, nella stessa aula in cui mi sono laureato. ma non ho provato la medesima sensazione chehai descritto. forse perchè ancora non sono passati 20 anni ?!?!?!?
    complimentissimi e ti auguro di ritrovarti tra altri 20 anni nella medesima aula

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...