Per un’etica del divieto

In questa estate sta facendo scalpore il decreto che assegna ai sindaci la possibilità di emanare atti che riguardino la sicurezza e l’ordine pubblico. Molti, forse la maggior parte, fanno sorridere, un po’ preoccupare per la deriva fascista che potrebbero assumere alcuni provvedimenti. Per di più la stampa estera, sempre pronta, ha trovato un altro argomento per mettere in ridicolo l’Italia.
Però su certi non posso non essere d’accordo, anzi andrei oltre, alla fustigazione pubblica. A rischio di apparire contraddittorio perché se da un lato mi sembra assurdo punire i bagnanti che scelgono di stare al mare nudi,  senza dar fastidio a nessuno, dall’altro non trovo ammissibili comportamenti cafoni oltre che incivili, come quello a cui ho assistito nel negozio di un caseificio quando è entrato un tipo con indosso solo uno slip come se stesse scendendo in piscina, trascinandosi su dei rumorosissimi zoccoli.
Ma il migliore in assoluto è il divieto di rubare cartelli di divieto.
Surreale.

divieti

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Notizie e politica. Contrassegna il permalink.

21 risposte a Per un’etica del divieto

  1. Josef ha detto:

    La miglior cosa è vietare la faccia tosta.

  2. enrico ha detto:

    dalle mie parti in versilia ne hanno inventate di tutte, solo che non hanno messo cartelli, solo documenti ufficiali. peccato sarebbe stato un cimelio davvero interessante il cartello che vieta posare un piede su una panchina oppure quello che non permette di tagliare l’erba il sabato o la domenica. Un mio amico che lavora tutta la settimana ha perso il figlio in giardino. L’erba era talmente alta che non lo vedevaCiaux, enrico

  3. Daniele ha detto:

    E un modo come un alto per spennare turisti inconsapevoli. Poi non ci lamentiamo se non tornano più.La bionda veramente temo che non stesse accarezzando proprio nessuno.

  4. Edoardo ha detto:

    Vietato fare amicizia con fiori e funghi?!
    Se non si tratta di un colpo di sole, abbiamo fatto tutti uno scivolone sul piccolo autoritarismo.
    Patetico!

  5. Claudio ha detto:

    Il divieto di fare leggi del ca… (pardon), quello no vero?!!? :S

  6. maria ha detto:

    Ma c’è anche il divieto di sedersi di fronte l’uno all’altra? Il più bello è il divieto di fare pupù per strada 🙂

  7. Tribuno ha detto:

    Pazzeschi questi divieti! Spero solo che il divieto di andare in bici non venga messo qui sennò posso anche rinchiudermi in casa fino a settembre. Ah, dimenticavo: qui manca addirittura la segnaletica per le auto, figuriamoci se vengono installati questi segnali "facoltativi".

  8. Ferdinando ha detto:

    Con un post, sia chiaro, mi sono reso conto che qualcuno avrebbe potuto pensare molto male alle mie parole… eh eh eh…

  9. Ferdinando ha detto:

    Brigitte Bardot non fa sconti, per questo banale errore ti sei giocato un link. Ti risarcirò stasera 😉

  10. Ferdinando ha detto:

    Il pasticciere troskista di Moretti è un mio mito, gli devo dedicare assolutamente un post, così ci può essere anche la citazione automatica a te 😀 Mi è tornata la voglia di scrivere. Principio di azione e reazione. 😀

  11. Robba ha detto:

    Siamo proprio alla frutta… o forse non si può far manco quello…

  12. Michele ha detto:

    Attento: potrebbe esserci il divieto di scrivere post sui divieti…
    Comunque gli inglesi pensino ai fatti loro…

  13. salmastro ha detto:

    oltre alla possibilità di altri incassi da multe…che fai non approfitti…. se cadi nel ridicolo….significa che sei ingordo
     

  14. salmastro ha detto:

    se mi dai un incarico automaticamente mi dai soldi da spendere o la scusa per spendere i miei…
     

  15. Andre ha detto:

    Non mi potresti trovare più d’accordo di così.

  16. Virginia ha detto:

    ma non erano gli inglesi quelli compassati e tutti di un pezzo? adesso vogliono anche divertirsi, tsè!
    il nudista alle prese con la mozzarella è un leitmotiv dell’estate, perchè vietarlo? basta guardarlo schifati e si distrugge da solo facendo seppuku con le mozzarelle testè comprate:-)))
    ben- ari – tornato! e noi a lavorare…

  17. Donatella ha detto:

    A me sembra assurdo che bisogna imporre dei divieti quando basterebbe la semplice educazione da parte delle persone… e un po’ mi dispiace che su molte spiaggie non si possa più giocare a racchettoni o a calcio o simili, perfino i castelli di sabbia sono vietati (anche se faccio parte di quelli che in spiaggia diventano un tutt’uno con la stuoia) :-))
    Da bambini costruivamo le piste per le biglie o i tappi trascinando il sedere di qualcuno sulla sabbia, oppure si giocava a bocce o a "pacchiose" (qualcuno le ricorda?)… la spiaggia è fatta per giocare, perché farla diventare un salotto?

  18. Federico ha detto:

    Conosco perfettamente i personaggi che descrivi (nel tempio del latticino, poi, si dovrebbe entrare solo in giacca e cravatta…) e contro di lori anche io ammetto spesso di pensare alle pene corporali… Così come per punire certi comportamenti al volante proporrei senza esitazione la rigatura della fiancata o la bucatura di almeno due gomme…
    Però in questi giorni credo che si stia esagerando, e sebbene la stampa estera non se ne faccia mai scappare una per parlare male degli italiani, questa deriva mi sembra davvero strumentale e triste. Ho letto e visto al tg di quel sindaco di un paesino sull’Adda che ha proibito i pic nic sul fiume, solo per il giorno di ferragosto e solo per un determinato tratto del fiume, adducendo motivi di sicurezza per evitare annegamenti… Guarda caso in quel giorno e in quel posto tradizionalmente si riunivano le comunità senegalesi per fare un barbecue e festeggiare il ferragosto…

  19. ariel ha detto:

    …spero tu bene…io nuoto…sorrido e ricordo quando adolescente fregavamo le pubblicita’sui tram ed i cartelli…di divieto!!..lo so era molto riprovebole pero’dopo qualche giorno li rendevamo….quello di fumare era il preferito…
    :-))…qui pero’si esagera….ciao!

  20. Paolo ha detto:

    il divieto di rubare i cartelli di divieto è sublime
    chissà perchè però è quasi sempre la stampa inglese a fotografarci e a criticarci
    secondo me soffrono di un qualche complesso di inferiorità
    ci attaccano sempre. che siano loro in difetto ?

  21. Nicola ha detto:

    Il secondo in basso a destra è razzista: divieto di urlare per le persone sovrappeso. La prima in alto a destra non la capisco: perchè non posso stringere la mano a chi mi è davanti sulla panchina?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...