Homophily

Malgrado il titolo possa indurre a pensarlo, questo post non è un tentativo di outing.
 
Qualche mese fa nelle parti alte della blogsfera è partita la discussione sul concetto di homophily. Ne ha parlato per primo Ethan Zuckermann che ha rilanciato il dibattito sull’homophily, termine coniato nel 1954, pubblicando un lungo post sul suo blog.
Il dubbio è sul perché tendiamo a conoscere e frequentare tutti quelli che la pensano come noi e la rete in questo ci costringe quasi a cercare persone che abbiano i nostri stessi gusti. Da Anobii che indica quanti hanno letto il nostro stesso libro ai profili dei blog che riportano un elenco delle caratteristiche di ciascuno di noi così da farci riconoscere almeno in qualcuna. Alla fine il rischio è di ritrovarsi in una riserva, con persone che la pensano come te, quasi una setta che non ammette intromissioni da parte di chi porta differenza e quindi scompiglio.
Per fortuna tutto questo è bilanciato dalla serendipity, dalla sorpresa di scoprire qualcosa mentre se ne sta cercando un’altra. Ed è quello che succede perché per quanto possiamo scegliere amici simili a noi questi avranno tante altre qualità.
L’importante è essere pronti ad incontrare gli altri e ad essere aperti nell’accettare anche quello che non va nella direzione delle nostre aspettative. E questo è difficile.
pap 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Società. Contrassegna il permalink.

18 risposte a Homophily

  1. Fabio ha detto:

    ciò che non si conosce, spaventa..

  2. Fabio ha detto:

    è difficile si… spesso siamo troppo "limitati"

  3. maria ha detto:

    Temo di essere un po’ omofiliaca ma questo non mi spaventa. Insomma, che c’è di strano nel trovare gradevole frequentare soprattutto persone con cui si è in sintonia? Sempre facendo salvo il rispetto assoluto per chi la pensa diversamente.

  4. Michele ha detto:

    Purtroppo no, Mauro, e quello è il limite più grosso di tutti. Sono stato un po’ oscuro nello scrivere, adesso l’ho messo più in chiaro.
    Esiste un modo, ma non m’è riuscito impiantarlo… sigh… sob…

  5. Claudio ha detto:

    Inevitabilmente si è portati a rapporti con persone "simili", tuttavia questo non devo far spegnere l’interesse per ciò che è diverso o anche solo difficile da comprendere. La curiosità è l’unica medicina!? 😉

  6. Federico ha detto:

    Mi sembra abbastanza naturale che, alla lunga, si sia attratti da persone che hanno interessi simili ai nostri… Attenzione, non parlo di preferenze, ma di interessi. Se mi piace da morire il calcio (ho scelto apposta un esempio che non trova ospitalità su questo blog) mi troverò bene con persone che parlano di calcio, anche se loro sono juventine e io interista. A meno che io non sia anche un fazioso.

  7. Tore ha detto:

    Vero, ma non del tutto. C’è sempre un blog principale su cui si sbarca, ovviamente attirati dai propri interessi, ma da li poi capita di visitare gli altri commentatori con cui magari si ha poco in comune..e comunque non c’è niente di meglio che sapere che ci sono altre persone al mondo che coltivano i tuoi stessi interessi soprattutto quando si vive in mezzo a certa gente.La curiosità arricchisce, per questo ho comperato il libro di Joan Baez che mi hai suggerito.Dipende anche comunque da cosa uno cerca nel mondo blog..

  8. ha detto:

    anche attraverso questo mezzo nascono delle alchimie,e anche se poi queste persone non hai la fortuna di conoscerle per davvero…a pelle senti che ti sono congeniali.E cmq non sempre allacciamo rapporti solo con chi ha i nostri stessi gusti o modi di vedere la vita….siamo come dei piccoli esploratori sul web.
     

  9. Lilla ha detto:

    è vero, in fondo si finisce per interagire con persone che hanno gli stessi gusti: a te piace la cioccolata ed a me pure!! 😉
    scherzi a parte, secondo me, si finisce per frequentare le persone che hanno i nostri stessi valori ed i nostri stessi princìpi … indipendentemente dai gusti letterari, musicali, politici … o … gastronomici … 🙂
    esattamente come avviene nella vita quotidiana … 🙂

  10. Virginia ha detto:

    faccio mia l’affermazione di josefk " Per fortuna siamo anche dannatamente curiosi. "

  11. beatrice ha detto:

    anche nel mondo reale e non solo in quello virtuale si tende ad aggregarsi fra persone che hanno piu’ o meno gli stessi gusti….la natura umana…
    internet come il bar sotto casa dove magari si attacca bottone con il vicino di ‘cornetto-cappuccino’ che legge la nostra stessa notizia del nostro stesso quotidian..

  12. Michele ha detto:

    E la Maumoziophily dove la mettiamo ?

  13. Tribuno ha detto:

    Mi hai anticipato.
    Volevo scrivere un intervento sull’associazione dei bloggers un pò di tempo fa,
    su come i blog diventano punto di riunione per persone talvolta dello stesso livello socio-psico-culturale.
    Perchè di certo il tuo blog non è commentato con frequenza da uno che sbrodola glitters a destra e a manca,
    nè tu commenti con costanza blog "stilosi" e "stilosamente cucciolosi", ecco, spero di aver reso l’idea.
    Anche se sono solo confronti virtuali, quelli che avvengono nei blog come questo, il mio e di coloro che commentano, in quanto confronti, sono sempre utili alla formazione personale, anche se di poco.
    Giunsi alla conclsione che il blog, può essere un mezzo utile per fare amicizie, qualora corrispondenze di commenti  si tramutino in incontri diretti e superare la nube di immaginazione che si crea attorno ad un blogger.

  14. Donatella ha detto:

    Credo che avvenga la selezione naturale per cui amiamo di più circondarci di persone con le quali c’è affinità e armonia, però – per esperienza – ho sempre imparato di più dalle persone con cui c’è divergenza di opinioni. Sempre se il confronto è onesto, educato e corretto. Viva le differenze 😉

  15. salmastro ha detto:

    ciò che comprendi lo accetti comunque
    al contrario ne sei irritato
    e se , come credo fermamente la comprensione si ottiene dalla fusione di:
    AFFINITà ,REALTà E COMUNICAZIONE
    per eser più chiari la com. aiuta a confrontare diverse realtà, che altro non è che ciò su cui siamo d’ accordo;
    mentre l’affinita definisce la capacità di esternare gesti piacevoli ad altri coì da poter dividere uno spazio ristretto

  16. Josef ha detto:

    E’ così bello rintanarsi in quello che già conosciamo, in quello che apprezziamo… è rincuorante. Ci riconosciamo negli altri e per questo li amiamo, più di quanto facciamo con noi stessi.Per fortuna siamo anche dannatamente curiosi.

  17. Paolo ha detto:

    Nicola ha centrato il problema
    Io all’inizio della mia esperienza bogghistica (esiste sta parola ?) frequentavo degli space in cui la politica era il tema principale. Ma nonostante tutti si spacciassero per democratici pronti ad ascoltare il pensiero altrui, nei fatti erano piccoli dittatori. Per non parlare poi degli insulti gratuiti che fioccavano. E poi mi vengono a fare certi discorsi.
    Chi ha un blog lo ha e ci scrive per il piacere e il divertimento di farlo. E’ normale che si cerchino altre persone che ti facciano divertire e anche riflettere su quello che scrivono. Se finisce ad insulti…è finito il gioco. Diventa come un sito di Amantea dove ogni pretesto è buono per sparare a zero su qualcuno o qualcosa anzichè discutere concretamente
     

  18. Nicola ha detto:

    Il sentimento dovrebbe essere reciproco, cercare di comunicare con chi pensa diversamente e trovare un muro o ostilità è inutile. Il dialogo costruttivo mi sembra una esperienza "da animi nobili" per il fatto di doversi mettere in discussione ed accettare commenti il cui linguaggio può essere offensivo. In fondo i blogger da space scrivono per divertimento personale e sopportare qualcuno in nome della democrazia rende il gioco difficile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...