Scalzi e stucchi

 
Un tripudio di stucchi accoglie il visitatore della chiesa di Sant’Agostino degli Scalzi, un gioiello dell’arte del seicento, finalmente restituita alla città di Napoli, grazie a una mirabile opera di restauro che sta cancellando in buona parte i danni del tempo, del terremoto e dell’incuria dell’uomo.
Per un attimo mi è sembrato di stare a Palermo, dove il Serpotta ha lasciato in chiese e oratori tracce del suo talento artistico.
La chiesa si trova ai limiti del quartiere Sanità, ci fu girata una scena del celebre film "L’oro di Napoli", lo stesso della pizzeria dove qualche mese fa ci siamo recati noi del BarCampania e che si trova a pochi passi.
Chissà se il quartiere sarà pronto ad accogliere questa nuova attrattiva e saprà evolversi verso una concezione turistica del territorio. Ma è solo un sogno.
 
serpotta2   Palermo – oratorio di Santa Cita

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Arte. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Scalzi e stucchi

  1. agnese ha detto:

    Proprio ieri ho visto al tg il servizio sulla chiesa di Sant’Agostino, attrattiva "alternativa" per la giornata del FAI. Che ti posso dire io? Io spero che questo sogno diventi presto realtà, anche se la vedo assai difficile. Ma noi continuiamo ad insistere!
     
    Buona settimana!
    Agnese

  2. Virginia ha detto:

    ho visto l’oratorio di santa zita qualche millennio fa. mi fece un’impressione grandissima! sembrava la trasposizione di una crisi mistica esangue, di un bianco abbagliante. qualcosa di una bellezza esotica e affollata.
    andrò a visitare sant’agostino appena possibile…

  3. maria ha detto:

    Sognare è concesso. E poi non si sa mai.

  4. piccolaiena ha detto:

    vedi, io nn sono mai andato a Napoli, e quando ci andrò probabilmente non andrò al quariere Sanità, per quel poco di pubblicità che conosco del posto (è forse proprio li il mio errore?)solo che adesso vedi, a un pensiero simile rosico non poco….

  5. Du ha detto:

    Mauro io non c’entro niente, se non che oramai sono molti anni che pratico arti marziali, ma ora sono solo un amatore, ho fatto solo un piacere al mio vecchio Kru che è coinvolto nell’organizzazione.

  6. Nicola ha detto:

    Dream On!

  7. Michele ha detto:

    Rimango di stucco (ma non sono scalzo).

  8. Du ha detto:

    E’ veramente un peccato non riuscire a sfruttare tutte le bellezze che sono sparse sul territorio italiano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...