Napoli in mostra

Negli ultimi giorni si parla di Napoli quasi unicamente associandola all’immondizia e al malgoverno degli amministratori locali.
Malgrado questa difficoltà di sopravvivenza dell’immagine della città, c’è ancora qualcosa che si muove nel campo dell’arte e delle mostre.
Domenica scorsa ha chiuso la mostra pittorica "Omaggio a Capodimonte" nata per il compleanno del museo.
Prima di Natale ha aperto l’Ice art gallery il primo museo permanente del ghiaccio, un’esposizione di sculture realizzate con il contributo di vari artisti, a cui si accede muniti di calde pellicce per resistere ai -3°C (Sarà questo il motivo che giustifica il prezzo di 15 euro per ammirare solo poche sculture?).
In alternativa, oggi si inaugura il Plart, museo della plastica. A volerla dire tutta il PLART nasce come spazio polifunzionale dedicato alla ricerca scientifica e all’innovazione tecnologica per il recupero, il restauro e la conservazione delle opere d’arte e di design in materiale sintetico. Ma quello che attira maggiormente è lo spazio espositivo dove prendono posto circa duemila oggetti, borse, gioielli, lampade, utensili, vasi, giocattoli, radio, pezzi di arredamento e anche opere d´arte contemporanea, tutti rigorosamente di plastica, raccolti in giro per il mondo da Maria Pia Incutti, imprenditrice e collezionista d’arte.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Arte. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Napoli in mostra

  1. Lilla ha detto:

    i luoghi comuni sono duri a morire … così come i preconcetti … e quando ti "appiccicano un’etichetta" è difficile da togliere … anche perchè se ne parla e straparla … adesso è il momento dell’associazione "Napoli=immondizia" … la cosa bella è che, nonostante tutto … c’è ancora chi ha la voglia e la capacità di prendere certe iniziative … W Napoliiiiiiii! PS: vabbè … sono un pò … "di parte"!!!

  2. Virginia ha detto:

    napoli è una città vivissima per quello che riguarda l’arte moderna. si promuovono mostre che se le sognano altrove. ma nessuno se ne avvede. che noi meridionali si è ingenui tanto da non saper vendere i nostri " prodotti " con l’accortezza da mercanti di quelli del nord? può essere. chissà se ce l’hanno un genio come lucio amelio a milano…

  3. Fabio ha detto:

    fà più parlare l’ignoranza che la cultura…le cose belle e intelligenti non vengono promosse… chi sa perchè?!?!

  4. ha detto:

    è come quando i "nordici" visitano Palermo e la Sicilia dopo aver visto tutti quei films dove ci dipingono tutti brutti…sporchi e cattivi….poi visitano le nostre città…conoscono ad visum le persone che vi vivono e cambiano opinione…chissà perchè?!
     
    ti sei ripreso? passata la bua?

  5. Du ha detto:

    Meno male Mauro che ci sono queste iniziative, vuol dire che la città è viva! Peccato solo che gli organi di stampa non parlino anche delle cose positive che accadono a Napoli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...