Il re è nudo

 
La capacità dei nostri (vostri) eletti mi sorprende sempre di più.
 
Un deputato di provincia, forse alla sua prima legislatura, si ritrova solo, con un po’ di denaro, a Roma la città della dolce vita, delle mille storie peccaminose che anche lui vuole vivere per poterle raccontare al bar del paese quando ritornerà. 
L’avventura erotica si svolge in un noto albergo romano, ma il festino con due donne di facili costumi, a base di alcol e droga, finisce male con una delle due ricoverata in ospedale. Lui dice, io dormivo.
Fin qui, squallida storiella piccante che farà parlare e ridere per qualche giorno.
Ma il partito a cui appartiene il deputato, che nel frattempo ha presentato le dimissioni…dal partito, non dalla Camera, capovolge la scena e trasforma il pover’uomo in una vittima. La lontananza dalla famiglia, l’ha portato a cercare un po’ di calore umano tra le braccia di quelle donne! E quindi, si provveda al ricongiungimento delle famiglie, siano estesi i privilegi dei politici anche ai loro congiunti! E che diamine!
D’altra parte il partito è quello che, nonostante l’elevato numero di divorziati e conviventi tra i suoi esponenti, ha fatto della difesa della famiglia una bandiera, si è scagliato violentemente contro le coppie di fatto.
 
Ma la vogliamo finire?
 
occhi1077
Bratislava – 2007
 
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Notizie e politica. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Il re è nudo

  1. maria ha detto:

    Sine verba! 

  2. ha detto:

    allucinante come certa gente si arrampica sugli specchi e "usa" determinate defaiance a proprio  uso e consumo…-
    un saluto in vacanza dalla vacanza ehehheheh….

  3. perlinavichinga ha detto:

    bell’esempio di ipocrisia… e faccia tosta!certo, la nota pigrizia svizzera e, per essere precisi, ancor di più pigrizia perliniana… dura da vincere! =)

  4. Artemide ha detto:

    E santuario sia!
    (Poi però torno a leggere) 

  5. Lilla ha detto:

    Ehhhhhhhhhhhhh … si fa presto a parlare … per noi comuni mortali circondati da persone che ci vogliono bene … ma (come ho già commentato da La Gatta) … "La solitudine è una cosa seria e la vita da parlamentare è dura per chi la fa seriamente" … e poi come si chiama il deputato? "Mele"? E non è proprio grazie ad una "mela" se ora tu che sei uomo sei costretto a "lavorare con fatica" ed io che sono donna sono costretta a "partorire con dolore"?!?! Azz … stè mele … sò pericolose! Ehhhh … "corsi e ricorsi storici"!!

  6. Robba ha detto:

    Come ha già spiegato quel pover’uomo, ci vorrebbero più soldi per resistere alle tentazioni…ma scherziamo ???

  7. marilù ha detto:

     Perchè mi devo esibire in performances scurrili, io che non sono abituata al linguaggio trash?
    Ma questa storia me le tira prorio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...