Gli uomini che non si voltano

E’ un po’ che non aggiungo explicit e copertine di libri, nel frattempo il blog ha cambiato aspetto e contenuti.
Recupero mettendone uno tra gli ultimi letti, ambientato in Sicilia, la mia regione preferita!
 
 
"Come finirà?".
"Non lo so".
"Le cose belle non succedono mai?".
"Succedono, ma non ce ne accorgiamo".
Un gabbiano calò verso di loro e andò a posarsi sopra il fianco di una barca. Scrutava i due seduti a terra e aspettava.
 
Gaetano Savatteri
 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

13 risposte a Gli uomini che non si voltano

  1. proserpina ha detto:

    Non sono qui per rompere le b…. ma solo per un Augurio. SHHHHH! Vado.

  2. adamo ha detto:

    Non saprei. Forse all’epoca della prima pubblicazione del post. Adesso solo un remake.
    Tanto per ricordare.
    Buon anno!!
    ciao

  3. Mauro ha detto:

    Colpito al cuore.La mia lista è "all’italiana", dovrei definirla giallo più che noir, ma mi ritrovo una autrice francese come la Vargas, e se li inserisco come romanzi polizieschi mi va bene per Camilleri, De Cataldo, Lucarelli e Giuttari, però poi come la mettiamo con Carofiglio, che non posso considerare nel genere legal thriller e confrontarlo con un Grisham qualunque? E le storie siciliane di Piazzese?
    Provo a cambiare titolo….
     

  4. Osvaldo ha detto:

    leggevo la lista degli autori noir….ma edward bunker?
    è il re del noir, ha ispirato i dialoghi dei film tarantino e ha recitato in "le iene".
    "cane contro cane" è il vangelo degli amanti del noir.

  5. marilù ha detto:

    Ballata triste
     
    Sono triste e piango
    e mi rotolo nel fango
    vorrei volare
    invece di sognare e macerare
    fly fly fly trilla l’uccellin
    qui quo qua tuona il paperin
    hug hug hug urla il capo indian
    ma la bertuccina è andata piano pian
    Sono triste e piango
    ma rido e ballo il tango
    voules vous dancer
    semel in anno, due, ter?
     
     
    Poesia fatta in casa uora uora… fresca di giornata
    ma anche se la fai stagionare non migliora
    E’ inutile, non sarò mai poeta… sigh!

  6. maria ha detto:

    Hola conterraneo!
    Passata la broncoboscide?

  7. Alessandro ha detto:

    Beh, onorato di entrare nella cerchia di tua amici!
    E poi finalmente qualcuno che conosce David Trueba 😉
    Devo dire anche che hai viaggiato molto più di me, ma soprattutto sei stato nella città in cui io vorrei prossimamente andare a vivere, ovvero Siviglia…
    ….intanto ti anticipo già gli auguri di Buon Anno!
    @le
     

  8. Mauro ha detto:

    come faceva quella canzone di Lucio Dalla.?.?.?.
    ah sì!
    …quale allegria….

  9. proserpina ha detto:

    Cia Maumozio, è bello passare da te di tanto in tanto e visto che i blog servono anche a scambiarsi opinioni e punti di vista spero che non ti dispiaccia passare da me. Quel gabbiano mi fa pensare ad un ipotetico custode, o se vuoi ad un Angelo il cui compito è quello di vegliare silente in attesa di una qualche rivelazione (questa volta dal basso).
    Spero tu non mi giudichi troppo ruffiana se ti lascio dei versi:
     
     
       NUOVA ETA’
     
     
     
       Ecco è il tramonto
       Ma rassegnarsi è dura per noi
       Civiltà nutritasi nell’oblìo
     
       Per alcuni è l’ora del risveglio
       Colui che misura il tempo
       E’ già alle porte
       Segno che per l’Anima
       E’ tempo di migrare
       Così come i Santi hanno detto
     
       L’anima non sia triste
       Né affannata
       Nel tempo che passa
       I suoi Sogni
       Si muteranno in ricordi
     
       Per secoli avremo atteso
       Quel che durerà un attimo
       L’occhio non potrà più
       Trattenere le lacrime
       E nel cuore esploderanno
       La commozione e il dolore
       Per tutto l’Amore
       Che l’Umanità non conosceva più
     
     
    (Maggio 2003)
     
    Un abbraccio da Proserpina (Stefania)
      
     
     
     
     
        

  10. marilù ha detto:

    non ce ne accorgiamo perchè non sappiamo riconocere le cose belle
    siamo abbagliati dai glitter e non prestiamo attenzione alle stelle

  11. Robba ha detto:

    E’ una cosa sulla quale, spesso, ho ragionato anch’io, perchè ci ricordiamo solo delle cose brutte che accadono? Secondo me, siamo tutti inconsciamente masochisti…ciao ciao

  12. VALERIA ha detto:

    ciao
    anch io qui di 26 ad aggiornare il blog…
    spero leggerai il mio post ci tengo particolarmente a questo pezzo.
    Poi quando c è da dare addosso al vaticano io mi faccio in 4
     
    ti consiglio una bella lettura: Niccolò Ammaniti "Come dio comanda"

  13. elena ha detto:

    buongiorno mau, è il 26 e qui i festeggiamenti non sono finiti (ahimè! non ce la faccio più), oggi si passa in casa paterna..
    io me li segno tutti i tuoi libri e spero di poterli leggere anche prima di andare in pensione (meglio chiarire: non ho mai molto tempo e allora con tutti quelli che mi propongo di leggere rischio di arrivare tranquilla tranquilla ai 60 anni!). a presto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...