Archivi del mese: dicembre 2005

Le braci

Si danno un bacio, uno strano bacio rapido e un po’ goffo: se qualcuno li vedesse non potrebbe fare a meno di sorridere. Ma come tutti i baci umani anche questo, alla sua maniera tenera e grottesca, è la risposta … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Chi è morto alzi la mano

– Non siamo in dodici, – disse Marc. – Siamo in quattro. – Tu la fai troppo semplice, – disse Vandoosler. Il suo braccio guizzò e la moneta tintinnò da qualche parte, abbastanza lontano. Lucien si era alzato in piedi … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | 1 commento

L’isola che brucia

In sere d’inverno come questa l’isola porge il suo segreto a chi lo sa intuire. Che è poi un semplice enigma, che al di fuori di se stessa – nel cerchio magico dell’orizzonte controbilanciato dal triangolo scuro della montagna – … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | 3 commenti

L’ultimo treno della notte

Vado da Henry. Lui mi guarda. "Io non sono bravo come te a raccontare" dico.   Benjamin Lebert – L’ultimo treno della notte    

Pubblicato in Senza categoria | 1 commento

La casa del sonno

Probabilmente lei penserà che queste sono solo fantasie sciocche: ma ognuno di noi deve trovare un suo modo di adattarsi alle situazioni, e io sto facendo del mio meglio.   Jonathan Coe – La casa del sonno  

Pubblicato in Senza categoria | 1 commento

Alta fedeltà

Quando Laura sente le prime battute della canzone fa una piroetta, mi lancia un sorriso e alza diverse volte il pollice per dire evviva, e io comincio a compilare nlla mia testa un nastro per lei, in cui ci saranno … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | 1 commento

Le Correzioni

Enid sentì che niente poteva più uccidere la sua speranza, niente. Aveva settantacinque anni e intendeva cambiare alcune cose nella sua vita   Jonathan Franzen – Le correzioni

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento